DEF 2014

Nel Documento di Economia e Finanza (DEF) deliberato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 8 aprile si fa riferimento, finalmente, alle iniziative volte al superamento del “digital divide” infrastrutturale ed allo stanziamento dei finanziamenti a fondo perduto per l’innovazione delle PMI.

Ancora non ci sono date certe, fatta salva l’indicazione che queste iniziative troveranno applicazione tra  il 2014 e il 2020, tuttavia, nel documento del MEF sono stati messi nero su bianco i numeri di alcuni interventi già discussi nei mesi scorsi volti alla digitalizzazione delle imprese:

  • un Voucher da 10.000 € a fondo perduto per la digitalizzazione delle PMI, per il quale sono stati stanziati 100 milioni di euro
  • un credito d’imposta ai fini IRAP e IRES nella misura del 65% degli investimenti volti ad una connessione a banda larga (pari o superiore ai 30 Mbps), entro il limite massimo dei 20.000€

Penetrazione banda ultralarga in ItaliaA queste iniziative si sommano i bandi di gara per la realizzazione del Piano nazionale per la banda larga e del Piano strategico per la banda ultralarga, cioè lo sviluppo delle infrastrutture che dovranno permettere a tutti gli italiani di poter accedere alla rete Internet:

  • 900 milioni per la copertura totale del territorio nazionale con reti a banda larga (al momento restano esclusi ancora 2 milioni di italiani) e lo sviluppo della banda ultralarga, già avviato nelle regioni Calabria, Campania e Molise, sarà introdotto anche in Puglia, Abruzzo, Lazio e Sicilia.
    A questo progetto hanno aderito anche alcune regioni de centro nord nel quale sono già state avviate alcune sperimentazioni.

Ma senza un’adeguata alfabetizzazione digitale, dotarsi di reti a banda larga sarebbe come costruire un’autostrada quando ancora nessuno ha la macchina. Il DEF individua tra le criticità anche l’innalzamento delle competenze digitali dei cittadini e delle imprese anche se, per ora, non sono chiari i modi con i quali questi obiettivi saranno perseguiti.
Come scritto anche in un precedente articolo, per poter cogliere appieno le opportunità che derivano dalla digitalizzazione è opportuno che i cittadini, prima, comprendano quali possano essere le potenzialità di questa innovazione tecnologica.

I finanziamenti a fondo perduto destinati alle PMI, se adeguatamente sfruttati dalle aziende, sono un ottimo incentivo per intraprendere un cammino di crescita che sfrutti Internet e le potenzialità di comunicazione e riduzione dei costi che la digitalizzazione porta con se.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *