Errore 404 Pagina Non Trovata

Un motore di URL rewrite consente al server di riscrivere gli indirizzi delle pagine del vostro sito in una forma più leggibile per l’utente, evitando simboli e punteggiature comprensibili per un computer ma poco usabili e, men che meno, mnemonici per gli umani.
In pratica, consente di riscrivere un URL come “http://www.beecube.it/?p=742” in “http://www.beecube.it/creazione-di-contenuti/” a tutto beneficio della stessa SEO.

Errore 404 Pagina Non TrovataA molti sarà capitato di voler utilizzare l’URL rewrite in un sito web sviluppato con WordPress e di accorgersi che, in locale, i link verso le pagine interne restituiscono il fatidico errore “404 Not found” o “Pagina non trovata”.

WordPress permette di gestire l’URL rewrite attraverso la definizione dei “permalink” raggiungibile dal menu Impostazioni. Al di là della tipologia di permalink che impostate, in locale tutte le opzioni diverse dal default (?p=123) restituiscono l’errore 404 quando cercate di accedere le pagine interne.

Inutile cercare di modificare le impostazioni dei permalink di WordPress. Dovete modificare le impostazione del webserver locale.

Verosimilmente, avete installato un pacchetto software per la gestione del server locale (tipo WAMP o LAMP) che vi consente di gestire le impostazioni di Apache. Ciò che dovete fare è accedere ai moduli di Apache, scorrere i moduli disponibili ed abilitare “rewrite_module”.

Già finito.

Modifica moduli Apache

Il server è impostato per riavviare immediatamente il servizio, quindi vi basterà tornare all’amministrazione del vostro sito WordPress, impostare la tipologia di permalink che preferite ed il gioco è fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *