Suite di produttività alternative a Office

Uno dei “pacchetti” software più diffusi nei computer di privati e imprese è sicuramente Microsoft Office, la suite di produttività che raccoglie, tra gli altri, Word, Excel e Powerpoint, alcuni dei programmi più utilizzati dagli utenti. Il valore di questi applicativi è indubbio ed il costo da sostenere è sicuramente ammortizzato in poco tempo, tuttavia, ciò che spesso ci stupisce è il numero delle persone che, abituate ad utilizzare MS Office (perchè installato direttamente dal produttore del PC), non sappiano dell’esistenza di alternative  gratuite e altrettanto efficaci.

Senza voler fare una recensione di queste soluzioni, né invitando nessuno ad abbandonare Microsoft per affidarsi ad altri produttori, ci limitiamo a segnalare alcune delle più complete e diffuse alternative a Office.

Apache OpenOffice – disponibile per i sistemi operativi Windows, Mac OS e Linux (http://www.openoffice.org/)

LibreOffice – disponibile per i sistemi operativi Windows, Mac OS e Linux (https://www.libreoffice.org/)

Queste due soluzioni sono “sorelle” (LibreOffice è una “diramazione” (una fork) del progetto Open Office) e offrono i medesimi servizi che qui elenchiamo:

Writer – Word processor simile a MS Word
Calc – Foglio elettronico simile a MS Excel
Impress – Programma per le presentazioni simile a MS PowerPoint
Base – Programma per la gestione di database simile a MS Access
Draw – Per la creazione di grafici e diagrammi vettoriali simile a MS Visio
Math – Programma per l’elaborazione di formule matematica

Dipendentemente dal sistema operativo che montate sulla vostra macchina, potreste avere a disposizione altre suite di produttività (Apple sui Mac monta di default iWork), mentre su Linux esistono GnomeOffice o Calligra Suite (entrambe gratuite e opensource come tutti i software del mondo Linux).

Cambiare suite di produzione talvolta crea un minimo disorientamento all’utente perchè, sebbene simili, i prodotti non sono identici. Il più delle volte è sufficiente fare l’abitudine al nuovo programma e ai suoi menu, in alcuni casi certe caratteristiche sono presenti in un pacchetto ma non nell’altro ma tendenzialmente possono assolvere agli stessi compiti.

E’ importante essere coscienti che quando ci si accinge ad acquistare una suite di produttività esistono anche alternative ad Office gratuite che svolgono le medesime funzioni, a volte consumando meno risorse e che possono beneficiare di aggiornamenti che non comportano costi aggiuntivi.